Quotidiano Sportivo

NB.

Supplemento online del Corriere della Campania

Espugnata Genova. Azzurri con il vento in poppa-Le Pagelle

Fonte Immagine:

Le pagelle del Napoli

Meret : 6,5  In una serata di scarso impegno trova comunque il modo di dimostrare la sua bravura tecnica e il suo istinto quando da distanza ravvicinata evita il gol di Cassata deviando sul palo. Ancora una conferma.

Hysaj: 6  Discreta prestazione del laterale albanese a cui va il merito di aver dato avvio all’azione del gol azzurro del vantaggio. Qualche imbarazzo in chiave difensiva nel corso della prima frazione di gioco che tuttavia non intacca la piena sufficienza della serata.

Manolas: 6,5  Il più in palla della coppia dei centrali azzurri. Serata senza sbavature e imprecisioni. Riesce nell’intento di annullare gli avanti genoani che transitano nella sua zona. Prestazione attenta e condizione generale in evidente miglioramento.

Maksimovic: 5 Più ombre che luci nella serata del centrale azzurro. Sempre più lontano dalla qualità delle prime prestazioni dal rientro in campo.  Macchinoso nei movimenti finisce per soffrire oltremodo la vivacità e la brillantezza degli  avversari. Goldaniga gli vola in testa in occasione del pareggio ed è la fotografia più  fedele di una serata incerta.

Mario Rui: 6 Migliora con il passare dei minuti assumendo un atteggiamento sempre più volitivo e intraprendente. Una prestazione classificabile come buona ma non all’altezza delle precedenti sia sotto il profilo della continuità che sotto il profilo della precisione. Al minuto 69 tenta di dare lustro alla sua prestazione con un tiro che impegna severamente Perin.

Fabian Ruiz:6,5 Conferma nella serata di Genova tutta la sua classe senza tuttaviariuscire a dare continuità alla sua prestazione. Tra le diverse pause che si prende durante il match riesce comunque a dispensare  verticalizzazioni geniali e giocate di ottima qualità. Si supera con l’imbeccata che porta Lozano al gol della vittoria.(dal 87 Allan s.v)

Elmas: 6,5 Serata impeccabile sotto il profilo della prestazione per il giovane centrocampista napoletano. Dinamismo e intraprendenza costante in una prestazione sicuramente tra le migliori degli ultimi tempi. Trova la rete dopo pochi minuti ma il gol purtroppo gli viene annullato per un fallo di mano di Manolas. Non si demoralizza e continua a creare apprensioni alla retroguardia genoana.(dal 82 Zielinski s.v.)

Lobotka: 6 Nessuno potrà imputargli, in queste prime prestazioni significative con la maglia azzurra, scarsa  precisione e acume tattico. Rimane costantemente preciso e in grado di garantire, in ogni occasione una gestione fluida e tempestiva del pallone. Magari col tempo sarà lecito aspettarsi dal suo modo di stare in campo un pizzico di intraprendenza in più.

Politano: 7 I 63 minuti della sua prestazione rendono evidente il  miglioramento qualitativo. La tanta volontà e il tanto correre finalmente conducono a una prestazione convincente. Vicino al gol nel primo tempo, negato da un intervento con i piedi di Perin, si esalta in iniziative che incutono timore al malcapitato Masiello.(dal 63’ Lozano 6,5 pochi minuti e un gol, cosa chiedergli di più)

Mertens; 6,5 Ancora una menzione nel tabellino della  sotto la voce marcatore. Ennesimo acuto decisivo con un azione personale che ormai possibile definire come  azione alla Mertens. Stop e tiro a giro appena accarezzato dal portiere avversario. Difficile dare una spiegazione logica al maldestro retro passaggio che porta al momentaneo 1 a 1.(dal 63' Milik 6 solita prestazione a servizio della squadra con pochi acuti)

Insigne: 7 Questa volta non segna ma fa tutto il resto nel migliore dei modi. Assist meraviglioso per l’1 a 0 di Mertensconfermandosi  il  vero fulcro della manovra azzurra. Tutti i palloni più pericolosi passano dalle sue parti e tra una cosa e l’altra trova anche il modo di farsi valere in fase di copertura. Lodevole(dal 78' Younes s.v)

 

All Gattuso: 7 Il tecnico calabrese dimostra di sapere quello che vuole e soprattutto come ottenerlo. Squadra tenace e combattiva quasi lo specchio fedele del carattere del suo allenatore. Opera gli avvicendamenti necessari per far  rifiatare gli elementi più stanchi senza tuttavia snaturare il suo assetto tattico.

 

Le pagelle del Genoa

 

Perin: 7 Senza dubbio il migliore della sua squadra. Se non riesce ad evitare la sconfitta impedisce almeno che prenda proporzioni disastrose mantenendo fino alla fine la sua squadra in partita. Tre interventi di grande bravura su Elmas e Mertens nei primi 45 minuti e un volo plastico a negare il gol a Fabian Ruiz nel secondo tempo.

 

Biraschi: 5 Ha l’ingrato compito di contenere dalle sue parti le iniziative di Insigne. Sostanzialmente la cosa non gli riesce complice la brillantezza del suo avversario. Lascia uno spazio letale a Mertens in occasione del primo gol che ne approfitta realizzando il primo vantaggio azzurro.(dal 78' Ghiglione s.v.)

 

Goldaniga: 7 Come Perin tra il migliori dei rossoblu in questa partita. Risponde sempre presente in fase difensiva dove gli attacchi avversari lo chiamano frequentemente in causa. Realizza un bel gol con un perentorio stacco di testa che batte Meret.

 

Zapata: 5 Impiega un po’ di tempo per trovare il miglior modo di stare in campo al centro della sua difesa. Finisce in crescendo rendendosi autore di buoni interventi soprattutto in anticipo dei suoi avversari.

 

Masiello: 6 Il Politano di stasera non è un cliente semplice da affrontare. Bada al sodo senza farsi eccessivi problemi e fornisce un contributo di sostanza alla sua difesa.

 

Cassata: 6,5 Cerca di dare intraprendenza alla sua prestazione dimostrandosi bravo e volitivo negli inserimenti offensivi. Meret prima e il palo poi, nella stessa azione, gli negano la gioia del gol. ( dal 69’ Iago Falque: 5 Non trova spunti degni  di rilievo).

 

Schone: 5,5 Cerca di attenersi scrupolosamente al disegno tattico previsto per la partita fornendo un pizzico di ordine e qualità nell’organizzazione del gioco genoano.

 

Behrami: 5,5 Il solito dinamismo lo porta a correre senza soste e spesso a vuoto, nel tentativo di spezzare il fitto e continuo possesso palla degli avversari. (Dal 63’ Lerager 6: Nei minuti che il tecnico genoano gli regala non solo non sfigura ma compie anche buoni interventi dimostrando un buon approccio alla gara).

 

Barreca: 5 Prova a fare qualcosa di buono sulla fascia sinistra ma tutte le iniziative si rilevano scarsamente efficaci.

 

Sanabria: 5 Non è la serata delle tante occasioni e pur cercando di mettersi, in altro modo, al servizio della squadra non va mai oltre la  mediocrità nella sua prestazione.(dal 69’ Pandev 5,5 Poco ispirato non crea particolari pericoli nei suoi venti minuti di gara)

 

Pinamonti: 5 Stessa valutazione del compagno di reparto, poco incisivo e mai pericoloso nell’intero arco della partita. Le colpe sono un po’ sue e un po’ della squadra che non riesce mai a supportarlo nella misura e nel modo giusto. Dopo tre gol consecutivi era lecito aspettarsi qualcosa di più.(dal 81’Favilli s.v.)

 

All. Nicola: 5,5 Consapevole della inferiore tecnica della sua squadra cerca di proporre un disegno tattico in grado non solo di limitarne l’efficacia ma anche di tentare qualcosa in più. Alla fine incassa solo la terza sconfitta consecutiva tra le mura amiche fallendo i propositi iniziali.

 

 

 


Ronald Abbamonte

area calcio

Nato negli Stati Uniti, ma italiano da sempre, svolge attività di consulente nel settore energetico dopo una lunghissima esperienza nel settore commerciale. Negli ultimi anni ha deciso di riservare più spazio a quella che è stata da sempre una fedele e costante compagna di vita: la scrittura. Gli studi di stampo umanistico e la curiosità per tutto ciò che circonda la vita dell’uomo lo spingono a scrivere su tematiche diverse tra loro ma con lo spirito attento di chi guarda le cose per la prima volta.

View all posts

Commenta